Come e con cosa coprire il balcone? Coperture per il balcone

Il balcone riesce ad essere un sostituto romantico del giardino, sospeso tra il cielo e la terra. Tra i fiori e le piante può diventare un rifugio nel quale ci si può rilassare e staccare dai doveri di ogni giorni. Purtroppo, la maggior parte dei balconi è stata progettata in modo tale da doversi proteggere dai vicini e dagli sguardi indiscreti dei passanti. Ma, anche per questo, c’è una soluzione!

Delle coperture moderne possono essere sia un dettaglio pratico, che di stile. Disegnate con tessuti di alta qualità, possono durare anni. Ma quale tipo di copertura scegliere? Questo ve lo diremo nei paragrafi sottostanti.

Imitazione dei tessuti naturali

Per un balcone fine e romantico andranno bene delle stuoie di tessuto con fibre sintetiche. La cordura, il polipropilene, il vinile o l’olefin di alta qualità, possono ricordare dei tessuti naturali ed in più sono gradevoli al tatto, impermeabili, proteggono dai raggi del sole e dal gelo. Questi tipi di coperture possiamo comprarle al metro oppure in rotoli, ma tutto questo dipende, ovviamente, dall’offerta del produttore. Alcuni modelli bisogna intrecciarli intorno alle sbarre del balcone, altri si terranno grazie all’uso di cavi. Questo tipo di montatura è possibile grazie agli occhielli presenti sul bordo del tessuto. Le coperture di fibre sintetiche non solo saranno durature, ma anche di stile. Il loro più grande vantaggio è che offrono un ampia scelta di motivi e colori. I produttori vanno incontro alle aspettative dei loro clienti per questo fabbricano delle corperture monocromatiche, a più colori, di color pastello o molto vistose, con figure geometriche oppure con dei fantastici motivi floreali. Grazie a questo anche le persone con i gusti più ricercati troveranno qualcosa che si adatterà perfettamente allo stile del loro balcone.

Vimini, canna o bambù?

Agli amanti degli accenti naturali sicuramente piaceranno delle coperture intrecciate fatte di piante essiccate e impregnate. Questi tipi di prodotti di solito sono fatti, di solito, di vimine, canna o bambù. Le stuoie in vimine sono molto durature, stabili e proteggono molto bene il balcone dal vento. Sono disponibili in misure diverse, quindi scegli quella adatta all’altezza della balaustra. Il colore di questo tipo di copertura oscilla intorno al marrone, dunque se hai voglia di una variante più chiara scegli la canna. I rivestimenti in canna sono più leggeri rispetto a quelli in vimine e hanno una tonalità color paglierino. È un’ottima scelta, soprattutto per dei balconi in stile rustico oppure eco. Le persone che, invece, vorrebbero una copertura naturale e stabile, dovrebbero sceglierne una in bambù. È il prodotto più resistente di quelli elencati precedentemente. Sarà in grado di riparare dal vento forte, dai raggi del sole e dalla pioggia. Le canne di bambù sono molto più spesse rispetto a quelle di vimini o di canna, quindi creano una barriera solida e forte. Il bambù sta bene in dei balconi moderni oppure quelli con una nota orientale. La montatura delle coperture naturali è difficile? Assolutamente no! Questi rivestimenti li possiamo montare alla balaustra grazie all’aiuto di morse metalliche o di plastica! La vostra copertura naturale è pronta!

Tecnorattan moderno

Vuoi aggiungere al tuo balcone una nota esotica, ma allo stesso tempo proteggerlo per tanti anni? Scegli il tecnorattan! È una soluzione duratura e molto estetica, che si troverà molto bene in dei balconi arredati in uno stile moderno. Delle coperture fabbricate in tecnorattan sono di solito intrecciate, quindi daranno un maggior senso di privacy ed intimità. Oltre a questo il tecnorattan ha altri vantaggi, tra cui: non si deforma, non si scolorisce, non ha bisogno di alcun trattamento speciale per la conservazione. Per lo sporco più insistente potrai usare una morbida spazzola oppure uno straccio umido. Questo tipo di copertura è disponibile in diverse varianti, colori e dimensioni. Quindi potrai scegliere quella più adatta a te e al tuo balcone. Proprio come i rivestimenti naturali, potrai attaccare questa copertura in tecnorattan alla balaustra grazie a delle fascette di plastica o in un altro materiale. Per far sì che la copertura rimanga stabile vi consigliamo di fissare le fascette ogni 10 cm, sia in posizione verticale che orizzontale. Ricorda, che devi fissare la fascetta tra le maglie della copertura ed in modo tale che la chiusura si trovi alla parte esterna della balaustra. Grazie a questo le fascette saranno praticamente invisibili.

Una copertura diversa

Un’ottima alternativa alle classiche coperture da balcone possono essere le piante! Una cascata di fiori e di piante profumate possono adempiere sia la funzione di decorazione che quella di copertura. In un mini giardino verticale andranno bene delle rose, il convolvus, la cicerchia odorosa, la clematide o l’edera comune. Per fare in modo che il nostro boschetto sia ancora più d’effetto punta su dei grigliati da giardino oppure su dei magnifici vasi. Se pianterai delle piante che fioriranno in maniera alternata potrai coprire il tuo balcone da primavera sino all’autunno! Questa è una proposta per le anime romantiche, che sognano di aver sul proprio balcone la sensazione di stare in un giardino in stile inglese.

Il balcone non dovrebbe essere solamente di stile, ma anche un angolo in cui calmarsi. Grazie alle coperture riuscirai a creare un clima accogliente. Ricorda, che persino in pieno centro della città puoi avere un pezzetto di paradiso per te. Basta un po’ di verde e una copertura per proteggersi dal mondo esterno.

Data di pubblicazione :

Articoli simili

Vedi più articoli nella categoria Balcone/Terrazzo

Commenti